NELL' ASCENSIONE DEL SIGNORE                                  La Redenzione in Cielo

21.05.2020

Oggi sulla Chiesa, come un'immensa cupola, si apre il Paradiso: è il trionfo di Gesù in terra e in cielo. L' Ascensione, infatti, ha due aspetti: uno terrestre, e l'altro celeste. È fine ed è principio. Chiude quaggiù la Redenzione e l'apre lassù. Da temporanea essa ormai diviene eterna, con frutti incalcolabili. Oggi, perciò, la Liturgia è tutta ammirazione, gaudio ed attesa. Come ai giorni della sepoltura di Gesù, si vive una grande Vigilia. Verrà un'altra Redenzione: la Pasqua di Dio uno e Trino.


Letture: Atti degli Apostoli 1, 8-14

San Paolo agli Efesini 4, 7-12


Vangelo secondo Luca 24, 36-53

36Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 37Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. 38Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? 39Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». 40Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. 41Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». 42Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; 43egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.
44Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». 45Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture 46e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, 47e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. 48Di questo voi siete testimoni. 49Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall'alto». 

50Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. 51Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. 52Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia 53e stavano sempre nel tempio lodando Dio.