IV DOMENICA DOPO PASQUA L' Anima della Chiesa

10.05.2020

Oggi è il giorno di una grande promessa, per cui ci è dato conoscere l'Anima profonda della Chiesa. Gesù, infatti, promette alla Chiesa lo Spirito suo (Ingr., Lez., Salm., Ep., Vang.). La Redenzione, così, è perfetta: e la Chiesa diviene davvero simile e degna del suo Sposo Divino, Gesù. Il quale, come alla Vigilia della sua Passione, ha lasciato alla Chiesa, in eterno testamento, la santa Eucarestia del suo Corpo e del suo Sangue, così alla Vigilia della sua Ascensione le lascia parimenti in testamento la promessa infallibile del Divino Spirito Consolatore. I due testamenti sigillano due Pasque: di Risurrezione e di Santificazione.


Letture: Atti degli Apostoli 4, 32-37; 5, 1-11

San Paolo ai Filippesi 2, 12-17


Vangelo secondo Giovanni 16, 5-15

1.Vi ho detto queste cose perché non abbiate a scandalizzarvi. 2.Vi scacceranno dalle sinagoghe; anzi, verrà l'ora in cui chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio. 3.E faranno ciò, perché non hanno conosciuto né il Padre né me. 4.Ma io vi ho detto queste cose perché, quando giungerà la loro ora, ricordiate che ve ne ho parlato. 5.Ora però vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: Dove vai? 6.Anzi, perché vi ho detto queste cose, la tristezza ha riempito il vostro cuore. 7.Ora io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma quando me ne sarò andato, ve lo manderò. 8.E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio. 9.Quanto al peccato, perché non credono in me; 10.quanto alla giustizia, perché vado dal Padre e non mi vedrete più; 11.quanto al giudizio, perché il principe di questo mondo è stato giudicato. 12.Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. 13.Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. 14.Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. 15.Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà.